Flying over…

Paper Planes

Comincia sempre tutto così: un aeroporto, un volo, un posto accanto al finestrino, un’ala dell’aereo.

Partenze. Partenze che sono come inizi. Saluti, te ne vai e apri il libro della tua vita ad una pagina bianca e intatta, pronta per essere scritta e vissuta.

Il viaggio è la sola vera rappresentazione della vita.

Queste sono le sensazioni che ho provato buttando lo sguardo fuori dal finestrino: sotto di me due lembi di terra separati da una strada d’acqua. Il profilo di un paese che culmina nella schiuma e nella salsedine di onde senza nazionalità né bandiera. Si intravedono i contorni di un porto, accoglienza e fuga. Speranza. E poco più avanti, dall’altro lato dello stesso mare, un altro pezzo di terra pronto ad accogliere persone, cose, storie, mille opportunità. Un pezzo di terra che nasce da quella stessa schiuma, dallo stesso infrangersi di quelle onde che, con l’inconsapevolezza primitiva degli…

View original post 47 more words

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s